La casa di Dante a Firenze

Nel cuore medioevale di Firenze, tra la chiesa di S. Martino e la Piazza dei Donati, si collocavano nel Duecento le case degli Alighieri, le cui tracce rimangono in alcuni documenti del tempo. Nei primi anni del Novecento dopo studi e ricerche, il Comune di Firenze commissiono' la costruzione della casa sul luogo dove la tradizione vuole sia nato Dante. Qui ha sede il Museo Casa di Dante, riaperto al pubblico il 1° giugno 1994, che si articola in tre piani che scandiscono i momenti fondamentali della vita del sommo poeta italiano.

Al primo piano sono documentati gli aspetti della Firenze di quei tempi, e insieme la giovinezza di Dante, il battesimo nel "bel San Giovanni" (il Battistero di S. Maria del Fiore), la vita pubblica, la sua nomina a priore della città ed il suo interesse e la sua partecipazione agli scontri politici e militari (interessanti sono il plastico della battaglia di Campaldino e le riproduzioni delle armature d’epoca).

Al secondo piano è illustrato il periodo doloroso dell’esilio, iniziato nel 1301 al momento della condanna, dopo tante peregrinazioni (a Forlì, a Verona, a Bologna), il poeta trascorse a Ravenna gli ultimi anni prima della morte (1321), ospite di Guido da Polenta.

Al terzo piano infine si delineano l’iconografia e la fortuna di Dante attraverso i secoli, rappresentate da ottime riproduzioni di famose opere d’arte realizzate dal Trecento ad oggi da grandi artisti come Giotto, Beato Angelico, Andrea del Castagno, Ghirlandaio, Luca Signorelli, Raffaello, Michelangelo.

Fonte: Staff I Like Italy
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati