Terremoto: salviamo il parmigiano, salviamo le aziende italiane

Leggiamo sul Blog di Gianluca e rimbalziamo l'appello.

Ho ricevuto da un amico questa email che trovate sotto: le aziende alla fine sono le più colpite dal sisma (delle chiese, scusate il cinismo, possiamo fare a meno): alcune sono inagibili, altre irrecuperabili, molte rimarranno chiuse a lungo.

Se siete in zona e acquistate il loro parmigiano, date una mano a ricostruire il magazzino. Il parmigiano infatti va venduto subito, a pezzi, perché non può più essere stagionato. Vediamo se la rete di relazioni funziona davvero. Leggete la storia sotto.

Ed ecco la mail ricevuta.

——– Messaggio originale ——–
Oggetto:
I: appello dall’azienda agricola CASUMARO: IL TERREMOTO CI DISTRUGGE MA CI RIALZIAMO
Data: Tue, 22 May 2012 17:11:33 +0200

qui siamo vivi e vogliamo andare avanti….. chiediamo a tutti non una mano, ma l’opportunità di rialzarci con il nostro lavoro….. la mia stalla, come altre venti, porta il latte alla COOPERATIVA SOCIALE LA CAPPELLETTA, grazie alla quale produciamo centinaia di forme al giorno di PARMIGIANO REGGIANO: che è simbolo della nostra tradizione e con grande sforzo anche oggi vorremmo continuare a farlo. A causa del sisma,il magazzino di stagionatura ha subito gravi danni come potete vedere dalle foto che vi allego. Per poter ripristinare il magazzino è necessario vendere il parmigiano. Con questa e-mail chiediamo la vostra comprensione, solidarietà ma soprattutto un aiuto. Io inizio la raccolta di tutti gli ordini di chi volesse acquistare il nostro parmigiano. Questi sono i nostri prodotti, disponibili anche sottovuoto : 14 mesi € 11,5 Kg 27 mesi € 13,00 crema spalmabile €11,00

Nel frattempo la situazione si è evoluta in una vera e propria corsa di sana solidarietà. Sempre Gianluca ci informa del link di ArciModena a cui fare affidamento e che qua riportiamo:

Ultime notizie
Filieracorta e Arci Modena a sostegno dell’azienda Casumaro colpita dal sisma del 20 maggio – Informazioni su come contribuire

Il 23 maggio in poche ore abbiamo ricevuto oltre 1500 email e innumerevoli telefonate di interessamento per l’appello dell’azienda produttrice di parmigiano reggiano colpita dal sisma. Un vero e proprio circolo virtuoso di solidarietà.

Per non perdere la spinta positiva, ecco alcune informazioni logistiche per poter organizzare al meglio il sostegno.

Innanzitutto, l’azienda ci ha fatto sapere che la distribuzione può avvenire entro 20-30 giorni senza che il formaggio abbia dei problemi, quindi non c’è fretta e possiamo organizzarci al meglio. La scadenza del 24 maggio circolata in alcune mail, pertanto, non è corretta.

I prodotti che possono essere prenotati sono i seguenti:

- 14 mesi € 11,5 al kg in pezzi da 500gr. o 1kg sottovuoto;
- 27 mesi € 13,00 al kg in pezzi da 500gr. o 1kg sottovuoto;
- crema spalmabile €11,00 al kg in confezioni da 250gr

L’azienda ci ha detto che al momento non riesce a raggiungere le forme da 27 mesi, quindi, stanno evadendo prima gli ordini relativi ai 14 mesi. Per le consegne dei 27 mesi si dovrà aspettare, vi daremo comunicazione non appena possibile.

RICHIESTE

Le richieste di prenotazione possono essere fatte in due modi:

- inviando una mail a filieracorta@arci.it per le richieste di singole persone o famiglie da lunedì 28 maggio 2012;
- contattando direttamente l’azienda per le richieste di gruppi di persone provenienti da aziende, enti o associazioni ai seguenti recapiti:

Azienda Agricola Biologica
Casumaro Maurizio
Via per Cavezzo-Camposanto, 19
Loc. Solara - Bomporto (MO)
Fax 0535 39084
Cellulare: 346 1779737 / 3409016093
E-mail: elisa.casumaro@yahoo.it

RITIRO

Chi ha prenotato il 23 maggio 2012 riceverà una risposta con l’eventuale conferma del ritiro che avverrà il 29 maggio dalle 12 alle 18 nella sede di Arci Modena in via IV Novembre 40/L.

Chi prenoterà dal 28 maggio 2012 riceverà una risposta con l’eventuale conferma del ritiro che avverrà nei martedì successivi dal 5 giugno in poi.

Al momento del ritiro sarà consegnato uno scontrino emesso direttamente dall’azienda. Filieracorta si fa carico soltanto dell’organizzazione logistica per dare un sostegno reale.

Chi contatterà direttamente l’azienda prenderà accordi per il ritiro in sede o altro tipo di consegna.
In Rete la mobilitazione non si è fatta attendere. I Like Italy non poteva mancare.

Manuele Vannucci I Like Italy
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati