Storia della cassata siciliana

E' nota in tutto il mondo come la Regina della pasticceria Siciliana. Un vero capolavoro di sapori, aromi e colori le cui festose decorazioni riconducono senza dubbio alla fantastica combinazione cromatica dei carretti siciliani. Questo tradizionale dolce siciliano, un tempo immancabile nella festa di pasqua poichè un dolce tipico, è fatto a base di pan di Spagna ripieno di un composto di ricotta dolce, aromatizzata e guarnita con canditi e cioccolata a piacere.

La sua origine deriva da un dolce arabo, il quas’at, una specie di zuccotto di tuma fresca dolcificata con zucchero. Questo dolce non incontrò il gusto dei siciliani, i quali lo reinventarono a modo loro sostituendo inizialmente la tuma con la ricotta dolcificata, foderandola in un secondo tempo con pan di Spagna. Bisognerà aspettare la metà del 1700 perché la cassata assuma la sua forma definitiva e simile a quella attuale, con le decorazioni festose realizzate con canditi colorati, ad opera, così sembra, delle suore del Monastero di Valverde in Palermo.

Dell’antica tradizione dellla cassata in Sicilia, fa fede un documento del Sinodo di Mazzara del Vallo del 1575 dove si legge che la cassata è uno dei dolci "immancabili nelle festività". Dunque c’è anche un documento ufficiale che premia questo buonissimo dolce e lo innalza a uno di quelli che non possono proprio mancare su una tavola festiva.

Fonte: Cannoli Siciliani
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati