Le staminali contro la calvizie

Perdere capelli non è piacevole. Ma arrivare addirittura alla calvizie può essere un grande problema, spesso fonte di disagi psicologici. Oggi, però, grazie alle ricerche di alcuni scienziati tedeschi, ci sono nuove speranze per una cura definitiva alla calvizie. In che modo? Ma attraverso le cellule staminali ovviamente, sempre più oggetto di ricerca scientifica negli ultimi anni.

Sono stati gli scienziati della Technical University di Berlino a utilizzare delle cellule prelevate da animali che sembrano essere in grado di ricostruire i follicoli piliferi negli esseri umani nell’arco di un anno.
Sul Daily Express si riportano le parole del prof. Roland Lauster, il quale asserisce che questa ricerca potrebbe essere il primo passo per la cura dell’80% delle persone che soffrono di calvizie. Quanto si dovrà attendere? Forse meno di quanto pensiamo.
Secondo Lauster ci vorranno circa cinque anni per la commercializzazione del trattamento per la ricrescita dei follicoli piliferi.

 «I preparativi per questo sono già avviati », spiega il prof. Lauster. Il lato positivo della creazione dei follicoli dei capelli e della pelle in un laboratorio è quella che potrebbe evitare la scomoda pratica dei test sui poveri animali sottoposti generalmente a un incredibile numero di torture, spesso ingiustificate.


Come al solito, la speranza arriva da un laboratorio di ricerca. Siamo ancora ai primi passi, ma già pensare che qualcosa arriverà nei prossimi anni, è qualcosa. 
Certo, le staminali le hanno prelevate dagli animali; speriamo solo che non cresca del pelo anziché i capelli, non sarebbe bello avere una folta criniera come i leoni, specillante se non siamo a Carnevale.
Fonte: La Stampa
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati