Vacanze con i figli

Un anno di lavoro è passato! E allora cosa aspettiamo ad organizzare la nostra vacanza?!? Si, ma adesso che abbiamo il bambino come facciamo? In effetti, specialmente se si è genitori da poco, l’idea di trascorrere la villeggiatura con i nuovi arrivati può spaventare oppure al contrario se si è troppo spavaldi si può rischiare di andare incontro a qualche piccola frustrazione. Ecco allora una serie di semplici e pratici consigli per sfruttare al meglio le potenzialità della vacanza coi vostri bambini. Un primo suggerimento generale riguarda la qualità e la quantità del tempo per stare coi vostri piccoli. Puntate sulla prima e ad avrete risparmiato sulla seconda! In altre parole, decidete ogni giorno di dedicare all’inizio dei momenti significativi della giornata (appena giunti in spiaggia) un momento di gioco rilassato con il bambino dedicandovi interamente a lui. Dopo sarà più facile fargli capire che anche il papà e la mamma possono fare altro e che lui può giocare da solo.

Per le vacanze al mare innanzitutto dovrete preoccuparvi di non esporre troppo al sole il vostro bambino. La società italiana di pediatria consiglia di evitare le ore dalle 11 alle 17. Usate creme adatte ai vostri piccoli. Per riparare la testa non dimenticate i cappellini e se i vostri figli sono insofferenti (troppo stretti, fastidiosi, ecc.) ricorrete a qualche fazzolettone bianco, meno ingombrante e facilmente lavabile. Annodatelo agli angoli (due a due), come facevano i muratori una volta. Per evitare i lunghi stazionamenti sul bagnasciuga in attesa del rientro dall’acqua del vostro bambino, concordate con lui una regola sin dal primo giorno. Preparatevi a fare delle concessioni, per esempio promettendo un gelato alla fine del bagno.

Per le vacanze in montagna, invece, dovete prima di tutto sapere che è sconsigliato andare sopra i 1600 metri per mancanza di ossigeno. Non dimenticate la protezione solare. E per camminare organizzatevi con un marsupio o un bello zaino: portarlo sulle spalle sarà meno faticoso che tenerlo in braccio o nel passeggino. Se decidete di andare all’estero, tenete conto che i bambini si adattano facilmente ai cambi di clima e di ambiente. Per l’alimentazione basta portarsi dietro una mini-riserva di omogeneizzati e evitate solo le pietanze troppo piccanti. Per quanto riguarda la sua sicurezza, insegnategli a riconoscere e a rivolgersi alle persone in divisa e fategli memorizzare il nome dell’albergo. Infine, un vecchio trucco: comprate dei nastrini colorati e legateli al polso dei vostri bimbi con scritto nome, cognome e il vostro telefono. Siete sicuri che dovunque vadano qualcuno ve li riporterà indietro!

Fonte: Alessio Maurizi - I Like Italy
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati