La Piadina romagnola

La piadina romagnola è la più classica delle specialità romagnole. Ha origine come alimento povero dei contadini: costituita da un semplice impasto, dava una maggiore sensazione di sazietà, e quindi trovava una valida alternativa al pane, se non addirittura al pasto principale. Nel corso degli anni la composizione dell'impasto della piadina romagnola è stata leggermente modificata, anche in base alle tradizioni e alla cultura di ogni città Romagnola, inserendosi nella cucina tradizionale Romagnola fra i prodotti tipici gastronomici e acquistando fama a livello internazionale.

La preparazione della piadina romagnola è molto semplice. Si basa su un' impasto privo di lievito: farina, strutto, sale, acqua. A seconda delle tradizioni le ricette possono essere diverse, gli ingredienti possono varire, può essere aggiunto del latte, dell'olio di oliva o del bicarbonato, per rendere la pasta più friabile e soffice. L'impasto così ottenuto, viene suddiviso in piccole parti (palline) per essere stese con il matterello fino a ottenere delle "ruote" spesse mezzo centimetro e di circa 25 cm di diametro. Queste vengono cotte su piastre circolari metalliche, chiamate in gergo "testo", avendo cura di rigirarla spesso perchè non bruci. Una variante alla piadina è il crescione o cassone, una sorta di piadina ripiegata e farcita, sulla falsariga del calzone della pizza: l'impasto è il medesimo,si stende per un diametro di circa 30 cm, farcito con vari alimenti e poi cotto sul testo. Non esiste limite alla fantasia nel farcire il crescione,tanto che ogni anno, con varie manifestazioni,vengono premiate le più creative "piadaiole" .

La piadina romagnola si mangia calda oppure fredda ed è buonissima sia da sola sia farcita con salumi, formaggi, salsiccia, verdure gratinate o erbette (da non disdegnare la farcitura dolce con nutella, miele o marmellata). La piadina romagnola oramai si trova in ogni angolo della strade romagnole,con i suoi caratteristici chioschi:dove non ce ne sono, non è Romagna.Va da se che per accompagnare degnamente una buona piadina un bicchiere di vio rosso è aobbligatorio, meglio se un buon Sangiovese di Romagna.

Fonte: triumphchepassione.com
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati