Camminare per bruciare grassi

Voglia di uscire all’aperto e di dimenticare il freddo. E se serve una motivazione in più per fare quattro passi, ci viene in aiuto uno studio tutto italiano. Il rimedio più efficace per togliere i chili di troppo dai punti più difficili, ossia dai temuti cuscinetti di grasso, è una lenta passeggiata. Più precisamente un’andatura di 4 chilometri all’ora. Insomma, non serve andare di corsa nè tantomeno a passo spedito. La scoperta è arrivata da un gruppo di ricerca che ha monitorato una trentina di ragazzi in lieve o grave sovrappeso. Scopo dello studio: calcolare il consumo delle diverse riserve energetiche, carboidrati e lipidi, durante camminate a differenti intensità e identificare la velocità ideale per bruciare i depositi di grasso.

"Camminata costante di 4 chilometri all’ora". Abbiamo identificato l'andatura sciogli-grasso per eccellenza - afferma Claudio Maffeis, docente di clinica pediatrica dell’Università di Verona e responsabile dello studio pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology - si tratta della camminata costantea 4 km all'ora. Un'attività consueta, economica e facilmente praticabile ovunque, la camminata è molto utile per combattere l'obesità. A 4 km/h - continua Maffeis -, la velocità che ad esempio si tiene quando si porta a spasso il cane o quando si fa una passeggiata, il 40% delle calorie bruciate deriva dai grassi. Aumentando la velocità, questa percentuale si riduce: a 6 km/ora, ad esempio, il consumo di grassi si ferma attorno al 20%''.

"In 40 minuti meno 6 grammi di grasso" I dati emersi dallo studio del team veronese rivelano che un ragazzo sovrappeso di 70 kg che cammina per 40 minuti a 4 km/ora brucia 150 calorie e 6 grammi di grasso. Camminando a 6 km/ora, brucia le stesse calorie in 27 minuti, ma brucia solo 3 grammi di grasso, ha una maggiore sensazione di fatica. E, cosa ancora più importante, ha molta più fame. A maggiore velocità, infatti, la percentuale di carboidrati consumati aumenta, e questo innesca reazioni nell'organismo che portano a un aumento dell'appetito e quindi al consumo di cibo. E' importante sottolineare - secondo i ricercatori - che uno sforzo meno intenso è meno faticoso e consente di prolungare l'esercizio per più tempo, offrendo dei risultati ancora migliori. Questo non vuol dire che i sacrifici di chi consuma le scarpe da jogging nei parchi cittadini siano vani. Al contrario: ''L'attività fisica regolare - sottolinea Maffeis - è indicata per tutte le persone sovrappeso, in ogni sua forma, non importa che sia una camminata, una corsa o delle vasche in piscina. Come è evidenziato dal nostro studio un esercizio fisico aerobico a più bassa intensità permette la più efficace perdita di grasso''.

Fonte: biospazio
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati