Arancini di Riso Siciliani

Gli arancini o arancine di riso rappresentano spesso il primo incontro gastronomico con la cucina siciliana, dove il cibo di strada viene offerto a tutte le ore da friggitorie, forni e bancarelle. Gli arancini, ispirati agli agrumi nell'aspetto e nel nome, sono una felicissima sintesi delle varie influenze storiche presenti nell’area: quella araba per il riso e lo zafferano, quella francese per il ragù, quella spagnola per il pomodoro e quella greca per il formaggio.

Questo cibo sarebbe nato secondo alcuni nei conventi, per altri all’interno delle case baronali, mentre c’è chi li farebbe derivare dalla tradizione della cucina popolare, dove gli avanzi di un pranzo venivano riciclati in modo fantasioso e gustoso. Tantissime sono le versioni degli arancini (al maschile a Catania) o arancine (al femminile a Palermo). Queste palle di riso farcite possono essere fritte o al forno (se avvolte da uno strato di pasta sfoglia). Variano anche per forma e dimensione. A Palermo si presentano di ragguardevole mole e tondeggianti, nel catanese più contenuti con forme che identificano il ripieno:

- base piatta e punta a ogiva con il sugo di carne
- tondeggiante con il burro
- ovoidale con pollo o spinaci.

Spesso nell’area catanese il riso non é trattato con lo zafferano, ma risulta bianco o prende un leggero colore roseo dal sugo di carne.

Fonte: taccuinistorici
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati