Galleria dell’Accademia

E' uno dei musei più visitati di Firenze. E questo grazie al suo ospite più illustre, David. La Galleria dell'Accademia o il "Museo di Michelangelo" sorge nel luogo dove si trovavano in origine due conventi. Il nucleo principale della collezione si formò nel 1784 con un gruppo di dipinti antichi donati dal granduca Pietro Leopoldo all’Accademia di Belle Arti, perché potessero servire da modelli per le esercitazioni degli allievi, ai quali si aggiunsero in seguito opere provenienti da chiese e conventi fiorentini.

Nel 1873 vi fu trasferito da Piazza Signoria (dove fu sostituito da una copia) il David di Michelangelo, e nel Novecento altre opere del maestro: i quattro Prigioni, il San Matteo e la Pietà di Palestrina. Alcune sale dedicate alla pittura fiorentina offrono un panorama della produzione artistica nel periodo fra Giotto e Masaccio.

Il museo custodisce inoltre le icone russe provenienti dalla raccolta privata dei granduchi di Lorena e i modelli in gesso di opere di scultori dell’Ottocento toscano. Altro fattore di rilevanza, nell’edificio è ospitato il Museo degli Strumenti Musicali, con circa cinquanta pezzi provenienti dalle collezioni granducali, raccolti tra la seconda metà del secolo XVII e la prima metà del XIX; tra questi una viola tenore e un violino di Stradivari del 1716 e un violoncello di Niccolò Amati del 1650. Nel museo è inoltre esposto il più antico pianoforte verticale oggi conservato.

Fonte: Firenze Turismo
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati