Cucina salutare col microonde

Sgombriamo subito il campo da equivoci. Cucinare col microonde non fa male. Non più di quello che possa accadere con gli altri metodi di cottura. Anzi, alcuni vantaggi ci sono. Anzitutto il minor tempo impiegato. Poi, c’è da considerare la bolletta elettrica. Proprio perché impiega meno tempo per portare a cottura le pietanze, il forno a microonde consuma meno elettricità. L’efficienza energetica è aumentata anche dal fatto che il riscaldamento si limita al cibo, non all'intero forno. L’ultimo vantaggio è a livello nutrizionale. Infatti, sempre grazie alla velocità di cottura, i cibi mantengono più facilmente il loro contenuto di minerali e vitamine. E allora perché ci sono state e ci sono discussioni sull’uso del microonde in cucina? Piccola premessa. Le microonde sono generate da un tubo a elettroni chiamato magnetron. Queste onde, rimbalzando all'interno dell'armatura di metallo del forno, causano la vibrazione delle molecole di acqua presenti nel cibo. E’ così, per "agitazione", che si produce il calore che cuoce il cibo. Però. Anche se il calore è prodotto all'interno del cibo (e non indotto dall’esterno calore come nelle altre cotture) i forni a microonde non cuociono il cibo dall'interno verso l'esterno: le parti superficiali sono scaldate e cotte dalle microonde, mentre l'interno è cotto principalmente dalla più lenta conduzione di calore che proviene dagli strati esterni. Quindi, è possibile che la cottura non sia uniforme. E qui nascono i possibili problemi. Bisogna avere molta cura quando si cuoce o si riscalda carne, pollame, pesce, uova: assicuratevi che non vi siano dei "punti freddi", dove i batteri nocivi possono sopravvivere. Pochi consigli. Disporre i cibi in maniera uniforme. Aggiungete del liquido se necessario. Coprite la stoviglia con un coperchio (o della pellicola trasparente) lasciando uno spiraglio per permettere al vapore di fuoriuscire. Il vapore caldo che si crea aiuta a distruggere i batteri e ad assicurare una cottura uniforme. Non mettere a cuocere pezzi di carne eccessivamente spessi ad un'alta potenza. Mescolare o ruotare il cibo a metà cottura per eliminare i punti freddi dove i batteri nocivi possono sopravvivere, e per permettere una cottura uniforme.
Fonte: Alessio Maurizi - I Like Italy
Segnala una news

Related Posts / Articoli correlati